domenica 5 settembre 2010

Noruwei no mori...

"E mentre la stringevo avrei voluto spiegarle: adesso sto facendo l'amore con te. Sono dentro di te. Però questo non è niente di importante. E' una cosa come un'altra. Sono solo due corpi che s'incontrano. E' qualcosa che si può descrivere solo come due corpi imperfetti che s'incontrano. E che così facendo condividono la loro reciproca imperfezione."
♡♡♡

3 commenti:

Arianna ha detto...

Grazie, mi hai fatto venire i brividi.
Domani vado a cercare il libro, per forza.

Karenina82 ha detto...

In realtà non posso assolutamente dire che Norwegian Wood sia uno dei miei libri preferiti. E' ad un livello di sensibilità e sottigliezza tale da apparire quasi freddo ai miei occhi. Credo sia più che altro la dimostrazione del distacco culturale che ci separa dal Giappone.
Va comunque assolutamente letto, e regala momenti di vera, pura poesia come è raro trovarne in un romanzo...
Quindi compralo, hai la mia benedizione! :)

Ginger ha detto...

Capito per la prima volta sul tuo blog, che sembra un posto così diverso e così soft(sarà per i colori?)...

Ginger